My Trips in USA, Viaggio Tour California 2009

19 Agosto 2009 – Yosemite National Park – Mono Lake via Tioga Pass- Lone Pine

Sveglia ore 07:30

Quieta mattina con sveglia in una bellissima e grande camera del Cedar Lodge a El Portal. Queste zone sono davvero bellissime. Ci prepariamo in fretta perché anche oggi è una bella giornata piena. Abbiamo da visitare tutto il parco, anche se ne visiteremo solo una parte, molto probabilmente la più commerciale, ma sarà bellissimo lo stesso. Visto che in zona non credo ci siano Starbuks ad attenderci, ci siamo ben organizzati ieri sera comprando al market dell’hotel e anche al Village del parco, tutto l’occorrente per iniziare “in natura” la nostra giornata. Quindi dopo esserci preparati e rifatto le valigie per le quali inizia ad essere sempre più stretto il porta bagagli della macchina man mano che passano i giorni e che le cose che compriamo ingombrano sempre di più le nostre valigie già stracolme di tutto… finalmente scendiamo.
Ci dirigiamo all’area pic nic dell Lodge e tiriamo fuori le ciambelline, il latte fresco, il succo di frutta all’arancia, il caffè lo andiamo a prendere dentro gratis e caldo, il ciambellone a fettine e ci posizioniamo sotto un a sorta di gazebino a fare la nostra colazione in natura. Molto divertente. Ok, partenza per il parco dove non ci fermiamo per pagare visto che abbiamo già fatto tutto ieri sera e abbiamo fatto anche bene, in quanto questa mattina c’è un po’ di filetta… ma tutto nella norma. Sono davvero molto attrezzati. All’entrata il ranger ci dà anche cartine (anche in italiano se volete, basta chiedere) e un po’ di informazioni sul parco in generale. Sulle cose da fare e da vedere, e qui qualche dettaglio và dato perché il parco merita davvero!

Lo Yosemite National Park si trova nel cuore della Sierra Nevada, a poco più di due ore di distanza da San Francisco (in direzione est) nello Stato della California. Il parco, uno dei più antichi e prestigiosi di tutti gli Stati Uniti, è molto esteso ed occorre molto tempo per girarlo tutto, anche perché comprende una ricca varietà di flora e di fauna, che merita di essere osservata con attenzione. A causa della sua grande estensione il parco occupa varie zone climatiche, per cui occorre dotarsi dell’attrezzatura appropriata.
Infatti per quanto riguarda la vegetazione, il territorio è costituito da montagne di varia altitudine e da foreste largamente estese, popolate da sequoie immense, molto diffuse nella zona; nella valle al centro scorre il Merced River, il fiume che ghiaccia il fondovalle. Gli animali presenti nell’intera area sono per lo più lupi, orsi e scoiattoli che vivono in libertà e che offrono sempre uno spettacolo emozionante.
Il clima dell’area è molto rigido per la maggior parte dell’anno, per questa è preferibile recarsi qui nel periodo estivo, quando le temperature sono più gradevoli e le giornate più lunghe. Per l’alloggio sono disponibili dei campeggi ben organizzati, prenotabili preferibilmente molto anticipatamente, e il punto di riferimento all’interno del parco è lo Yosemite Village. Il parco è consigliato agli appassionati del trekking per i vari livelli di difficoltà delle escursioni effettuabili e per la bellezza dei paesaggi.
Yosemite è uno dei più vasti e meno frammentati habitat nella Sierra Nevada, e nel parco si può osservare una grande bio-diversità di piante e animali.
Il Parco ha cime che vanno dai 600 ai 4.000 metri di altitudine, e contiene quattro grandi zone vegetative: boschiva premontana, montana, subalpina ed alpina.
Delle 7.000 diverse specie di piante della California, circa il 50% si trovano nella Sierra Nevada e circa il 20% all’interno del Parco di Yosemite.
Nel parco si può trovare l’habitat ideale e la documentazione relativa a 160 piante rare con rispettive rare formazioni geologiche e suoli particolari che caratterizzano il ristretto rango dove queste piante si possono trovare.

Le Yosemite Falls sono le più alte cascate del Parco. Nel punto più alto raggiungono i 730 metri di altezza e il salto più alto che l’acqua compie è di 440 metri. Sono divise in tre parti, derivanti dalla altezza in cui si trovano:
-Le Upper Falls sono la parte da 440m fino ad arrivare alla sorgente.
-La parte in cui l’acqua compie il salto più alto e che si trova fra i 440 e i 90 metri si chiama The Cascades.
-Le Lower Falls sono il punto più basso,da circa 90 metri fino al suolo. Queste cascate le abbiamo visitate, ma purtroppo nel periodo estivo sono praticamente secche. E’ un peccato… !
El Capitan è una roccia granitica di circa 900m situata nella zona a Sud-Est del Parco.I Nativi Americani consideravano questa roccia come sacra. Oggi è una delle più famose mete al mondo per gli scalatori più esperti e dei lanciatori di BASE jumping, diventando così anche il luogo di molti fatali incidenti.
Glacier Point è un punto panoramico a 2100m di altitudine. Da qui si ha l’intera veduta del Parco. D’inverno molti sciatori scelgono quest’area come meta per divertirsi.
Ci sono moltissime escursioni da fare, molte delle quali in maniera diciamo autonoma o anche con ranger prenotati con anticipo che spiegano a gruppi di persone dalle piante agli animali e così via. E’ davvero molto bello e inimmaginabile. Noi facciamo un percorso a piedi nei pressi del Village, immersi nella natura. Ci fermiamo anche a vedere una mostra di fotografie di Ansel Adams e Romolo e Stefano impazziscono!

Ansel Easton Adams (San Francisco, 20 febbraio 1902 – Carmel-by-the-Sea, 22 aprile 1984) è stato un fotografo statunitense.
Famoso per le sue foto in bianco e nero di paesaggi dei parchi nazionali americani (tra cui lo Yosemite National Park) e come autore di numerosi libri di fotografia, compresa la sua trilogia di manuali di tecnica (The Camera, The Negative e The Print). È stato tra i fondatori dell’associazione Gruppo f/64 insieme ad altri maestri come Edward Weston, Willard Van Dyke e Imogen Cunningham.
Nel 1916 una vacanza con la sua famiglia, segnerà per sempre la sua vita. A 14 anni Adams conosce lo Yosemite National Park. Era stato Abraham Lincoln 52 anni prima, nel 1864 a fare della Yosemite Valley il primo luogo degli Stati Uniti d’America ad essere stato dichiarato parco nazionale. In occasione di quella prima gita gli viene regalata quella che fu la sua prima macchina fotografica, una Kodak Brownie, con cui Ansel Adams scatta le prime foto. La natura e la fotografia saranno da allora legate per sempre alla sua vita. La passione ambientalista traspare peraltro in tutte le sue opere.
Continuando a camminare in questo stupendo parco si perde davvero la cognizione del tempo, ci troviamo davanti a un albero interamente scavato dai “picchi” e poco dopo ne vediamo uno arrivare e iniziare a fare anche lui il suo buco per mettere la ghianda… che forse qualche simpatico scoiattolino (ce ne sono in quantità industriali da per tutto) ruberà!
E’ già arrivata l’ora di pranzo e sentiamo un profumino del tutto “naturistico” a detta di Romolo di carne sulla brace..e ci avviciniamo. Ci dicono che tutto il pranzo verrà devoluto in beneficenza, e quindi approfittiamo di questa opera buona per gustarci un Hamburger dello Yosemite National Park, con patatine in busta, bibita, e insalata con possibilità di usare salse e cipolla, pomodori e quello che volete, a una modica cifra.

Ci sentiamo davvero parte del parco, specialmente mangiando e riempiendoci la pancia!! Ci voleva proprio! E’ una sorta di pic-nic no?
Ok, qui il tempo passa in fretta e la giornata è lunga…e abbiamo ancora un sacco di cose e di km da fare sulla nostra tabella di marcia.
Ci incamminiamo con la macchina quindi per il percorso del Tioga pass per attraversare il parco e passare esattamente dall’altro lato.
Chi visita Yosemite NP non può assolutamente mancare una delle più belle scenic by ways della California. E’ la famosa Tioga Road ed i panorami di cui godrete rimarranno a lungo nei vostri occhi. Proverò a disegnare con le parole un viaggio virtuale lungo questa strada partendo da Big Oak Flat ad ovest di Yosemite e percorrendo le 64 miglia che vi porteranno attraverso il parco fino al Tioga Pass per poi uscire ad est giungendo a Lee Vinig.
Prima di cominciare è bene precisare un paio di cose. La Tioga Road è solitamente chiusa al traffico (almeno parzialmente) da fine Ottobre al Memorial Day. Yosemite è un parco di montagna e la Tioga Road lo attraversa ad altezze che si attestano intorno ai 3000 metri. La neve abbondante fa sì che la strada venga chiusa e questo si riflette principalmente in due note negative. Una legata allo spettacolo cui si deve rinunciare. La seconda legata allo svantaggio di non potere attraversare Yosemite ma di doverlo circumnavigare a nord o a sud.
Seconda cosa da ricordare: la Tioga Road, come detto, si sviluppa su circa 64 miglia. Non molte se paragonate agli spostamenti tipici di un viaggio on the road. Ma ricordate che ogni minuto speso lungo questa strada è un minuto ben speso.
Nel tratto seguente vi troverete a guidare per una ventina di miglia in uno scenario surreale in cui dei bellissimi boschi di sempreverdi dai colori a tratti brillanti, a tratti cupi si alternano a formazioni rocciose bianche, aspre ed immense. Qui guidare è veramente piacevole e rilassante. Tra i tratti che più mi sono piaciuti, sicuramente le due o tre miglia in cui la strada viene avvolta da esili alberi dal fusto lungo e fine, dalla corteccia biancastra e dalle foglie verdi e splendenti. Questi alberi curvati verso la strada formano come un tunnel naturale lasciando solo uno spiraglio di cielo sopra la vostra testa. Magnifico! Anche la parte rocciosa è veramente suggestiva. Le rocce bianche coprono l’intero panorama che differisce totalmente sia per colore che per forma dai monoliti granitici della Yosemite Valley. Mentre nella Valley El Capitan si erge verticale dominando col suo grigio scuro, lungo la Tioga Road le formazioni rocciose salgono lentamente e dolcemente.

In questo tratto vale sicuramente la pena fermarsi ai vari view point da cuiè possibile ammirare in pace i quasi 3300 metri di Mt. Hoffman e di Tuolumne Peak e i 3500 metri di Mt. Clark. Altro view point da non perdere è l’Olmsted Point. In questo scenario è immerso il bellissimo Tenaya Lake , un lago dalle acque cristalline che rappresenta un luogo perfetto per fermarsi a pranzare. Immaginate un specchio d’acqua quasi trasparente anche dove l’acqua è più profonda e immaginate le bianche montagne che lo circondano. Che atmosfera! Come d’incanto le bianche rocce si trasformano. L’erba comincia a ricoprirle, fiori dai colori vivaci spuntano da ogni parte mentre alcuni fiumiciattoli rigano lo scenario. Una volta valicato il Toga Pass si esce da Yosemite ma c’è ancora una tappa immancabile. E’ il Tioga Lake le cui acque, a differenza di quelle cristalline del Tenaya Lake, sono cupissime ma altrettanto belle. Anche questo lago è immerso in uno scenario unico. E’ avvolto a 360° da monti innevati che proiettano le proprie ombre scure sul lago. Sono arrivato al Tioga Lake mentre un temporale in lontananza rigava con alcuni lampi il cielo intorno al lago. L’atmosfera era da storie di Elfi.
Ormai il viaggio è quasi concluso. Non rimane che percorrere l’ultimo tratto di strada in forte discesa che vi porterà fino a Lee Vining. Qui non dimenticate di visitare Mono Lake, dove anche noi ci fermiamo al visitor center e dove Romolo e Stefano trovano la loro poesia per fotografare. (anche se con una puzza allucinante e miliardi di moscerini intorno alle acque del lago immobile). Sembra uno scenario lunare. Mai vista una cosa del genere. Stupendo!

Ma dobbiamo sbrigarci in quanto dobbiamo in serata raggiungere Lone Pine ancora due ore di macchina… La strada da Mono Lake a Lone Pine è davvero come nei film. Stupenda. Si incontrano persone straordinarie e in questi scenari hanno girato moltissimi film western di qualche tempo fa. Arriviamo in poco più di 2 ore a Lone Pine. Arriviamo al paese che è quasi buio!! Il paese è composto da qualche albergo sparso lungo la provinciale, un distributore di benzina e da qualche costruzione caratteristica che ci ricorda molto l’era dei pionieri. Molto caratteristico davvero. Ci fermiamo al nostro motel Best Western Lone Pine, dove ci viene consegnata la camera 108, e dove davanti parcheggiamo con la macchina. Le stanze sono tutte molto curate, pulite e profumate. Siamo a ridosso della Death Valley, ma visto che è sera non percepiamo particolarmente caldo. Stefano e Romolo si tuffano a fare un bagno in piscina al volo prima di andare a cena. Scegliamo un buon posticino che si chiama “Mt Whitney Restaurant” dove mangiamo benissimo e dove appesi alle pareti ci sono tutte le foto dei famosissimi film western che giravano in questa zona.
Affrettiamo il passo in quanto oggi è stata una giornata bella piena e domani dobbiamo svegliarci presto per affrontare la Death Valley… quindi torniamo in hotel, e proviamo a dormire…
Siamo nel deserto… incredibile… e ieri eravamo sulla strada che porta a Cupertino… oggi il maestoso Yosemite… ma quanti scenari meravigliosi ci sono in questo viaggio!

Mi addormento ripercorrendo le strade che abbiamo fatto oggi e i meravigliosi e incantati paesaggi.
Buona notte…

Share it if Like

21 thoughts on “19 Agosto 2009 – Yosemite National Park – Mono Lake via Tioga Pass- Lone Pine

  1. Ciao,
    molto interessanti i tuoi racconti. Mi dici però che giri hai fatto? Non ho ben capito da dove sei partita e qual’è stato l’itinerario completo..SF iniziale forse? E poi?
    grazie mille.
    Lia

    1. Ti interessa quello della california?
      Le informazioni sono così riportate: “Giorni””Notti””Spostamenti” “Location””Km””Città Hotel””Nome Hotel”

      mercoledì 12 agosto 20091Roma–> LOS ANGELES/Los AngelesCustom Hotel

      giovedì 13 agosto 20092LOS ANGELES /Los AngelesCustom Hotel

      venerdì 14 agosto 20091Los Angeles / MORROBAY (345 km)Morro BayTwin Dolphin Inn

      sabato 15 agosto 20091MORRO BAY – SANFRANCISCO (372 km)San FranciscoIntercontinental Mark Hopkins

      domenica 16 agosto 20092SAN FRANCISCO/San FranciscoIntercontinental Mark Hopkins

      lunedì 17 agosto 20093SAN FRANCISCO/San FranciscoIntercontinental Mark Hopkins

      martedì 18 agosto 20091SAN FRANCISCO – YOSEMITE N.P. (310 km) Yosemite Nationa ParkYosemite Cedar Lodge

      mercoledì 19 agosto 20091YOSEMITE/TiogaPass/LONE PINE(308km)Lone PineBest Western Frontier Motel

      giovedì 20 agosto 20091LONE PINE/DEATH VALLEY/LAS VEGAS(373km)Las VegasTreasure Island Las Vegas

      venerdì 21 agosto 20092LAS VEGAS/Las VegasTreasure Island Las Vegas

      sabato 22 agosto 20091LAS VEGAS- Williams-GRAND CANYON NATIONAL PARK(462 km)Grand CanyonCanyon Plaza Resort

      domenica 23 agosto 20091 GRAND CANYON NATIONAL PARK-FLAGSTAFF-SEDONA (184 km) per -LAS VEGAS(464 km)Las VegasExcalibur Hotel & Casinò

      lunedì 24 agosto 20092LAS VEGASLas VegasExcalibur Hotel & Casinò

      martedì 25 agosto 2009LAS VEGAS-ROMAVolo

      mercoledì 26 agosto 2009Arrivo a ROMA

  2. Ti interessa quello della california?
    Le informazioni sono così riportate: “Giorni””Notti””Spostamenti” “Location””Km””Città Hotel””Nome Hotel”

    mercoledì 12 agosto 20091Roma–> LOS ANGELES/Los AngelesCustom Hotel

    giovedì 13 agosto 20092LOS ANGELES /Los AngelesCustom Hotel

    venerdì 14 agosto 20091Los Angeles / MORROBAY (345 km)Morro BayTwin Dolphin Inn

    sabato 15 agosto 20091MORRO BAY – SANFRANCISCO (372 km)San FranciscoIntercontinental Mark Hopkins

    domenica 16 agosto 20092SAN FRANCISCO/San FranciscoIntercontinental Mark Hopkins

    lunedì 17 agosto 20093SAN FRANCISCO/San FranciscoIntercontinental Mark Hopkins

    martedì 18 agosto 20091SAN FRANCISCO – YOSEMITE N.P. (310 km) Yosemite Nationa ParkYosemite Cedar Lodge

    mercoledì 19 agosto 20091YOSEMITE/TiogaPass/LONE PINE(308km)Lone PineBest Western Frontier Motel

    giovedì 20 agosto 20091LONE PINE/DEATH VALLEY/LAS VEGAS(373km)Las VegasTreasure Island Las Vegas

    venerdì 21 agosto 20092LAS VEGAS/Las VegasTreasure Island Las Vegas

    sabato 22 agosto 20091LAS VEGAS- Williams-GRAND CANYON NATIONAL PARK(462 km)Grand CanyonCanyon Plaza Resort

    domenica 23 agosto 20091 GRAND CANYON NATIONAL PARK-FLAGSTAFF-SEDONA (184 km) per -LAS VEGAS(464 km)Las VegasExcalibur Hotel & Casinò

    lunedì 24 agosto 20092LAS VEGASLas VegasExcalibur Hotel & Casinò

    martedì 25 agosto 2009LAS VEGAS-ROMAVolo

    mercoledì 26 agosto 2009Arrivo a ROMA

    Mappa interattiva del tour effettuato eccola qui: “Mappa”

  3. I blog often and I genuinely appreciate your content. This article has truly peaked
    my interest. I’m going to bookmark your site and keep checking
    for new information about once per week. I subscribed to your RSS
    feed too.

  4. Oh my goodness! Incredible article dude! Thank you so much,
    However I am going through troubles with your RSS. I don’t know the reason why I
    am unable to join it. Is there anyone else getting the same RSS issues?
    Anyone that knows the answer can you kindly respond?
    Thanks!!

  5. I have been exploring for a little bit for any high-quality articles or blog posts
    in this kind of house . Exploring in Yahoo I finally stumbled upon this web site.
    Studying this information So i am satisfied to express that I
    have a very just right uncanny feeling I discovered exactly
    what I needed. I most surely will make certain to do not put out
    of your mind this web site and give it a glance on a continuing basis.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.